Settembre

settembre-toscana

Adoro scappare al mare a settembre, proprio mentre tutti rientrano, proprio mentre tutto ricomincia.

Mollare tutto e tutti lì con un sorriso, dire

ohhhhh no scusa, io rientro fra una settimana.

In compenso ad agosto io c’ero, a predisporre tutto per potermi permettere questa fuga.

Ho lavorato tanto nello studio. L’ho pulito minuziosamente. E l’ho ordinato con grandissima attenzione. Ho scelto, buttato, spostato sistemato. Cosa ci deve essere e cosa no, non più. Cosa è in primo piano e cosa è relegato ad un piccolo scomparto. Su cosa voglio posare gli occhi, su cosa voglio lavorare, cosa voglio tenere a portata di mano. A cosa voglio lasciare ampio margine intorno.

Alla fine delle pulizie ho comprato 12 cuscini nuovi, colorati. Un regalo per la nuova stagione. Per me, per lo studio, per le persone che verranno tutto l’inverno a fare le meditazioni. Perché stiano più comode e calde.

Ho sistemato il mio guardaroba, mi sono fatta un regalo: ho tolto TUTTO quello che non mi dava gioia, seguendo uno dei dettami più interessanti del libro della Kondo “Il magico potere del riordino“ permettendomi di non badare ai buoni motivi della ragione.

L’ho pagato tanto, è nuovo, mi serve davvero…

Via, ho messo tutto via (sono riuscita a farlo perché non ho buttato nulla, ho solo tolto e richiuso velocemente negli scatoloni del fuori stagione, il prossimo anno valuterò se riaprirli o regalarli).

Questo mi ha permesso di notare con facilità cosa funzionava e cosa no del mio guardaroba. Non ho gonne, avevo troppe magliettecanottiere, troppi capi bruttini e insignificanti. Tante cose “giusto per mettersi qualcosa”.

Ora che ho meno vestiti sono costretta ha pensare di più per vestirmi, devo cercare con cura cosa posso mettere con quei pochi pantaloni che mi sono rimasti. E quindi mi vesto meglio. Devo scegliere le scarpe, un paio non vale più l’altro.

Ho capito che al posto di tante magliette preferisco avere qualche camicetta carina, anche fresca, senza maniche, ma che mi faccia sentire in ordine. Ho fatto due acquisti con somma soddisfazione e ho scelto di tagliare un paio di pantaloni che non mettevo più per farne degli shorts godibilissimi.

Tasto dolente, presa dall’entusiamo del less is more ho deciso di partire per la settimana di mare con solo 10 capi, CONTATI, e l’ho fatto con gioia, non fosse che appena arrivata ho capito che avevo sbagliato stagione e sono dovuta CORRERE a comprare, fortunatamente ancora in saldo, due magliette a maniche lunghe e una felpa. Ho desistito dal comprare anche un pigiama invernale solo perché in casa, ho trovato una coperta di lana, sigh.

collane toscane

Ho scelto con Margherita, di regalarci due bellissime collane con pesci da un’artigiana deliziosa e penso saranno per sempre un ricordo bellissimo.

settembre - disegni

Ho portato in viaggio “una cosa sola” di Gary Keller che avevo già preso in prestito dalla biblioteca ma volevo fosse mio, fosse altro per l’illustrazione bellissima che apre il libro ma in realtà sono sprofondata nella lettura di Jane Eyre che ho trovato meraviglioso.

Ne ho scritto e disegnato, e credo che continuerò a farlo per un bel po’.

settembre, il mio ufficioHo riaperto il mio ufficio preferito. In riva al mare, con il caffè. Con alle spalle la vegetazione fitta e profumata della macchia mediterranea. Sto studiano aromaterapia e sto crescendo il desiderio e l’intento di affinare lo studio, di completare gli schemi, di personalizzare il metodo e farlo mio. Inghiottire le nozioni, ruminarle. Elaborarle, pensarle, disegnarle, rotearle fra le mani. Metterle in pratica, provarle, costruirle. Viverne immersa. E uscirne. Avendole trasformate in uno strumento solido. Affidabile. Sicuro e saldo.

Per farlo devo smettere di criticarmi, sempre. Devo smettere di dirmi che come faccio io non è fatto bene. Che non mi devo permettere. Devo concedermi il tempo e il modo. Devo persino incoraggiarmi e mi merito di farlo.

Ho guardato tanti video di acquarello e con gli ultimi spicci rimasti dallo scorso anno ho comprato un pennello gigantesco.
Ho sentito Simone e preso accordi per una lezione di disegno.

A giorni torno.

E ne sono felice.

Rispondi

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: